Cantina Vinchio Vaglio - I Grilli

I Grilli, non solo Bed & Breakfast
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cantina Vinchio Vaglio

Strutture da segnalare
 

Al centro di un’area particolarmente interessante sotto l’aspetto naturalistico e paesaggistico del sud Piemonte (tra il Monferrato storico e la Langa astigiana), opera da 54 anni, alle porte dell’affascinante Riserva naturale della Val Sarmassa, la Cantina Viticoltori Associati di Vinchio e Vaglio Serra, costruita al confine tra i due Comuni della provincia di Asti e diventata insostituibile punto di riferimento qualitativo della produzione della Barbera.

Da sempre “orientata alla qualità”, la Cantina ha messo in atto, a partire dalla metà degli anni ’80, una serie di iniziative che hanno posto l’accento sulla cura, talvolta maniacale, del percorso produttivo che nasce imprescindibilmente nel vigneto per concludersi con l’imbottigliamento.

In questo modo si è giunti al controllo, preciso e costante, di ogni anello della filiera che ha consentito di avere qualità al di sopra della media già a partire dai cosiddetti vini “quotidiani” per arrivare alle punte assolute di eccellenza, individuate già nella fase di maturazione delle uve, sugli scoscesi vigneti situati tra la Val Tiglione e la Valle Belbo.

Un quadro produttivo che fa della Barbera il fiore all’occhiello di ogni livello (il quotidiano come la fresca e profumata Doc Piemonte “Arengo”o la Doc Monferrato “Rive Rosse”, il medio-alto come le docg Barbera d’Asti I Tre Vescovi o Barbera d’Asti Superiore Nizza “Laudana” ed infine le selezioni Barbera d’Asti superiore docg “Vigne Vecchie” e Barbera d’Asti superiore docg “Sei Vigne Insynthesis”).

Vini frutto della grande professionalità dei quasi duecento soci vignaioli della Cantina che oggi non nascondono di essere sinceramente orgogliosi di far parte di questa rara e quasi irripetibile “grande famiglia del vino piemontese”. “Vinchio e Vaglio” non è però solo Barbera, ma anche intriganti curiosità come gli spumanti Castel del Mago da uve Chardonnay e Pinot nero, Cellino da uve Cortese o il raro e forse irripetibile rosso da uve barbera stramature “Perla Rossa”.

Provare per credere.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu